3 Ricette con la Quinoa rossa gustose e facili da preparare

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su twitter
Condividi su print
Indice

Quando si parla di quinoa si fa sempre lo stesso errore: si pensa che sia un cereale, causa la discreta quantità di amido contenuta. Sbagliato! La quinoa, rossa o bianca che sia, è una pianta erbacea appartenente alla famiglia degli spinaci.

Di origini antichissime, proveniente dal Sud America, era tanto utilizzata dalle popolazioni pre-colombiane. Per secoli la quinoa pare essere scomparsa del tutto dalle piramidi alimentari di mezzo mondo. Poi, “qualcuno” studiando le alimentazioni delle popolazioni antiche che consumavano la quinoa, ne ha scoperto i tanti benefici e nutrienti, che sono un vero toccasana per il nostro organismo.

Ma quali sono questi benefici?

Cominciamo col dire che la quinoa è un alimento estremamente leggero, e questo la rende un vero alleato per chi segue una dieta ipocalorica, ed essendo del tutto gluten free, può essere consumata anche da chi è affetto da celiachia. Contiene una buona percentuale di fibre, che fanno senz’altro tanto bene al nostro sistema digerente, ma è anche ricca di proteine, fosforo, magnesio, zinco e ferro.

La quinoa si differenzia in due tipologie specifiche: la variante bianca e la variante rossa. Tra le due non c’è chissà quale differenza, se non che quella bianca ha un sapore più delicato ed è indicata soprattutto per le zuppe, mentre quella rossa è croccante, e quindi consigliata per preparazione fredde come le insalate.

Inoltre, quella bianca cuoce in 20 minuti circa, per portare la rossa a cottura occorre invece il doppio del tempo.

In entrambi i casi, prima di consumare la quinoa occorre sciacquarla molto bene per permetterle di perdere i residui di saponine, delle sostanze proprie della pianta che se non lavate via conferiscono un sapore piuttosto amaro.

Insalata di Quinoa rossa, gamberi, mela verde e avocado

Impariamo a preparare 3 ricette che vedono come protagonista la quinoa. Semplici, diverse, gustose e leggere in vista della bella stagione. L’arrivo dell’estate fa sempre rima con insalate! Fresche, leggere, facili da preparare, sono il pasto ideale per i giorni più caldi, quando non ci va di stare molto tempo ai fornelli che emanano calore e preferiamo consumare pasti freddi. Poi le insalate sono a tutti gli effetti pasti perfettamente bilanciati dal punto di vista nutrizionale, perché mettono insieme carboidrati, proteine e verdure.

Oggi prepariamo una insolita versione con la quinoa rossa, croccante e profumata.

Lavate la quinoa e cuocetela in acqua per 40 minuti. Quando sarà cotta scolatela e lasciatela raffreddare.

Pulite i gamberi, liberateli della testa, del carapace e dell’intestino che hanno sul dorso. Scottateli in acqua bollente per pochi minuti, scolateli e lasciateli raffreddare. Lavate i pomodorini e tagliateli a pezzetti. Tagliate l’avocado in due per il lungo, privatelo della scorza ed eliminate il nocciolo. Tagliatelo a fette non molto sottili e poi in più parti. Sciacquate la mela e tagliatela a pezzetti senza privarla della sua buccia. Lavate anche i ravanelli, tagliateli a fette sottili e lasciateli per un po’ in acqua e ghiaccio. Preparate il condimento: frullate insieme le foglie di basilico, il succo di limone e l’olio: dovrete ottenere una salsina piuttosto morbida.

Ora assemblate il tutto: in un grossa boule unite la quinoa, tutte le verdure e gli ortaggi e i gamberi che avrete tagliato in pezzi grossi. Condite con l’emulsione di basilico, sale e pepe a vostro piacimento.

Per una guida più dettagliata con ingredienti e quantità potete leggere la ricetta completa dell’insalata di quinoa con gamberi, mela verde e avocado.

Pancake senza glutine alla Quinoa e cocco (anche vegani)

Chi non ha preparato i pancakes almeno una volta? Di cultura e tradizione americana, queste semplici frittelle sono ideali per la colazione o per merende sfiziose e gustose. Si possono preparare anche la sera prima, per averle già pronte il mattino seguente.

Prepariamo una versione light e gluten free perché utilizzeremo la quinoa al posto della farina. Per il condimento potremmo invece sbizzarrirci tra sciroppo d’acero e frutta, crema alla nocciola e confetture.

Cominciamo col cucinare al quinoa: sciacquatela molto bene e fatela cuocere in acqua bollente per 40 minuti. Lasciatela raffredare poi, e sgranatela con una forchetta. Aggiungetevi poi la farina di cocco e il  latte a più riprese. Poi lo zucchero, il sale, la cannella ed infine il lievito. Dovrete ottenere un impasto bello morbido. Cuocete i vostri pancakes in una padella antiaderente calda, precedentemente imburrata con del burro chiarificato, o con olio/burro di cocco per i vegani. Quando sulla superficie dei vostri pancakes si formeranno delle bolle girateli per la cottura dall’altro lato. Dovranno cuocere in tutto circa 3 minuti per lato. Quando saranno pronti, impilateli uno sull’altro ed irrorate con lo sciroppo d’acero e decorate con frutta fresca. Per i più golosi, accompagnateli ad una buona crema di nocciola, come quelle 45 di Caporaso.

Per una guida più dettagliata con ingredienti e quantità potete leggere la ricetta completa dei pancake gluten free alla quinoa e cocco.

Hamburger di Quinoa e verdure

Gli hamburger vegetariani sono un’ottima soluzione per chi non consuma carne o per chi vuole seguire un regime alimentare sano e leggero. Perfetti perché mettono insieme cereali, verdure, proteine, ma anche ortaggi e legumi, a seconda ci come più ci piacciono.

Sono anche la soluzione ideale per riuscire a far mangiare le verdure e gli ortaggi ai bambini, che di solito

I burger vegetali sono semplici da preparare e possono essere consumati con una semplice insalata o realizzare un vero e proprio hamburger in stile americano!

Lavatela la quinoa e poi lessatela in acqua bollente per circa 40 minuti. Lessate le patate e poi rendetele in purea con uno schiacciapatate. Lessate anche le carote e le zucchine e poi schiacciatele con una forchetta.

Fate un soffitto leggero con la cipolla tagliata a pezzi piccoli. In una boule amalgamate tutti gli ingredienti, con anche il sale, il pepe, la paprike ed il prezzemolo, ed impastate con le mani. Realizzate poi dei burger della dimensione che volete. Cuoceteli in padella per pochi minuti da ambo i lati. Preparate la salsa guacamole frullando l’avocado pulito della sua buccia, l’olio, il succo di limone, sale e pepe. Lavate le altre verdure e tagliate a fette il pomodori e le cipolle. Tagliate il panino in due e scaldate le parti interni su  una piastra calda. A questo punto componete il vostro hamburger con insalata, pomodoro, il burger, gli anelli di cipolla e terminate con abbondante salsa guacamole.

Per una guida più dettagliata con ingredienti e quantità potete leggere la ricetta completa degli hamburger vegetariani di quinoa e verdure.

Iscriviti alla newsletter

Ricevi subito un Coupon sconto del 10%!

×

Chatta direttamente con noi. Clicca sul nome e avvia la chat su Whatsapp!

× Hai qualche domanda?