3 Ricette di dolci con la crema di pistacchi

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su twitter
Condividi su print
Indice

I pistacchi sono un po’ i re della frutta secca. Col loro colore verde vibrante, quel sapore che mette insieme la componente dolce con quella salata che esalta il palato,  e che li rende perfetti per innumerevoli preparazioni. Arrivano da lontano, dal mondo orientale e col tempo hanno trovato ampia diffusione sul nostro territorio, con le loro piante che, pensate, possono raggiungere anche la longeva età dei 300 anni. La ricchezza dei principi attivi contenuti in un solo frutto, rende i pistacchi un vero e proprio toccasana per la nostra salute: benessere e gusto, what else?!

E da questo binomio che in casa Caporaso nasce la Crema di pistacchi al 45%: una incredibile varietà di pistacchi per un vero concentrato di sapore e gusto, caratterizzata da una morbidezza che la rende perfetta per qualsiasi utilizzo, dal consumo in purezza o su fette biscottate per la colazione, fino alla realizzazione di saporiti e sofisticati desserts.

Prepariamo oggi 3 gustosi desserts, diversi l’uno dagli altri, perfetti per ogni occasione e tutti semplici da realizzare.

Preparate la vostra Crema di pistacchi al 45%…

Tiramisù alla crema di pistacchi

Ingredienti

  • 180 gr tuorli (circa 4/5 uova)

Preparazione

La prima cosa da fare è preparare 10 tazze di  caffè e lasciarle poi raffreddarle completamente. Passiamo poi alla crema: amalgamate il mascarpone insieme alla crema di pistacchi al 45% fino a creare un composto bello liscio. Aggiungete poi la panna che avrete montato a parte e riponete il composto in frigo. Per il tiramisù le uova vanno pastorizzate per poter essere usate crude, realizzando una pâte à bombe: ponete in un recipiente i tuorli e cominciate a montare. In un pentolino mettete insieme lo zucchero e l’acqua e portate ad ebollizione, fino ad arrivare a raggiungere 121°, ossia la temperatura alla quale le uova crude pastorizzano perdendo la loro carica batterica. Quando lo sciroppo sarà pronto dovrete versarlo a filo sui tuorli molto molto lentamente, continuando a montate, perchè diversamente lo sciroppo rapprenderà, rendendo inutilizzabile il composto. Vedrete che la vostra crema comincerà a schiarirsi e gonfiarsi, diventando una nuvola vellutata e spumosa. Quando lo sciroppo sarà completamente montato dovrete continuare a montare per almeno altri 10 minuti.

A questo punto unite poco alla volta e molto delicatamente la pâte à bombe nella crema preparata precedentemente: mescolate dal basso verso l’alto facendo attenzione a non smontare la spuma realizzata. La vostra crema per il tiramisù è pronta, dovete assemblare il dolce: passate i savoiardi nel caffè il tempo necessario affinché assorbano la quantità giusta di caffè, devono essere ben imbevuti ma non del tutto inzuppati, altrimenti si sfalderanno del tutto. Sistemateli in recipiente senza lasciare alcuno spazio tra di loro, versate sopra la crema fino a realizzare uno strato pieno, che copra bene tutta la superficie. Ricoprite il tutto con abbondante granella di pistacchi. Ripetete questa operazione fino ad esaurimento delle quantità, ma dovrete realizzare almeno 3 strati. Decorate a vostro piacimento la superficie di copertura, con ancora granella di pistacchio o con ciuffi di morbida panna, lasciate riposare in frigo per qualche ora. Divorate con gusto!

Se volete approfondire la conoscenza con questo dolce e provare a prepararlo, qui trovate la ricetta completa del tiramisù alla crema di pistacchio.

Rotolo di Pan di Spagna con crema di pistacchio e fragole

Ingredienti

  • 5 uova
  • 110 gr di zucchero
  • 60 gr di farina 00
  • 60 gr farina di mandorle
  • una bacca di vaniglia (o 1 cucchiaino di estratto di vaniglia)
  • 1 pizzico abbondante di sale
  • 400 gr crema di pistacchio al 45%
  • 250 ml di panna fresca
  • sciroppo analcolico (300 gr di acqua, 150 gr di zucchero e scorza si 1 limone)
  • 250 gr di fragole fresche
  • 300 gr di cioccolato bianco
  • 50 gr di olio di semi di girasole
  • colorante verde q.b.
  • granella di pistacchi q.b.

Preparazione

Separate i tuorli dagli albumi e cominciate a montare i rossi con lo zucchero: dovrete ottenere un composto molto gonfio e spumoso, quindi dovrete impiegare circa 10/15 minuti. Montate poi anche gli albumi a neve non fermissima e uniteli poi al composto di tuorli e zucchero. Fate questa operazione in più riprese, cioè aggiungete una parte di albume solo quando il precedente è ben incorporato, mescolando dal basso verso l’alto. Allo stesso modo aggiungete le polveri, a più riprese. Versate l’impasto ottenuto su una placca da forno rivestita da carta forno e cuocete in modalità statica a 180° per 10 minuti. Trascorso questo tempo sfornate la pasta biscotto, eliminate la carta forno ed avvolgete intorno ad un canovaccio.

Quando il rotolo sarà completamente freddo, stendetelo e bagnatelo con uno sciroppo analcolico. Stendete poi molto delicatamente tutta la crema di pistacchio al 45% fatta ammorbidire a bagnomaria. Montate la panna e spalmatela sulla crema, lasciando un paio di centimetri di bordo liberi. Infine, aggiungete le fragole ben lavate e tagliate a pezzetti. Arrotolare il tutto con delicatezza, cercando di creare una spirale piuttosto stretta. Avvolgete nella pellicola e lasciate riposare in frigo per 3 ore. Nel frattempo sciogliete a bagnomaria il cioccolato bianco. Fuori dal fuoco, aggiungete poi l’olio, un pizzico di colorante e la granella di pistacchi. Riprendete il vostro rotolo farcito, eliminate le estremità, posizionatelo su una griglia e fate colare la vostra glassa al cioccolato fino a ricoprirlo completamente. Posizionatelo su un piatto da portata e infine decorate a piacere con ciuffetti di panna e fragole fresche.

Guastate con una buona tazza di tè profumato.

Chiacchiere (Frappe o Cenci) ripiene di Crema al Pistacchio

Ingredienti

  • 3 uova
  • 60 gr di zucchero
  • 450 gr di farina 00
  • una bacca di vaniglia (o 1 cucchiaino di estratto di vaniglia)
  • 1 pizzico abbondante di sale
  • 50 gr di burro
  • 25 ml di Marsala ( o grappa)
  • 300 gr crema di pistacchio al 45%
  • zucchero a velo q.b.
  • olio di semi per la frittura

Preparazione

Su una spianatoia sistemate tutta la farina, formate un vuoto centrale e aggiungetevi al suo interno lo zucchero, le uova, il burro, il sale e i semi della bacca di vaniglia. Cercate di amalgamare per bene tutti gli ingredienti fino a formare un bel panetto compatto, liscio ed elastico. Avvolgete nella pellicola e ponete a riposare in frigo per un paio di ore. Trascorso questo tempo, riprendete l’impasto, lavoratelo un po’ con le mani e poi stendetelo con un mattarello. Ricavate delle piccole sezioni e stendetele con l’aiuto di una macchina per la pasta posizionata sul punto 2 (2 mm). In mancanza di questa, dovrete lavorare con mattarello, cercando di ricavare sfoglie molto sottili. Una volta stesa la sfoglia, ricavate con l’aiuto di una rotella dentata dei rettangoli non molto lunghi, e sistemateli poi su un piano ben infarinato. Accoppiate a due due le vostre chiacchiere, su di una stendete con l’aiuto di un sac à poche la crema di pistacchi al 45% fatta ammorbidire a bagno maria. Inumidite i bordi della sfoglia con dell’acqua, ricoprite con un altro rettangolo di pasta e sigillate bene i bordi. Ritagliate l’eventuale pasta in eccesso con la rotella. Friggete in abbondante olio caldo a 170°. Essendo molto sottili non impiegheranno molto tempo a cuocersi. Scolatele su della carta assorbente e poi ricopritele con abbondante zucchero a velo.

Croccanti fuori, morbide e goduriose dentro!

Iscriviti alla newsletter

Ricevi subito un Coupon sconto del 10%!