Frutta secca a Natale: la tradizione, come e perché mangiarla

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su twitter
Condividi su print
Indice

La frutta secca a Natale è un elemento che non può non riempire le tavole imbandite e apparecchiate a festa di tutto il paese.

Ebbene sì, Natale è sinonimo di tradizione: usanze e festeggiamenti vari dalla storia spesso antichissima e dal grande valore simbolico vengono perpetrati ogni inverno in questo periodo di festa che è forse il più magico dell’anno. Un esempio di queste usanze è certamente il Presepe, ma lo sono anche l’Albero, la messa di Natale, le mille canzoni e ovviamente anche il celebre cenone, che certamente nel tempo si arricchisce con elementi di modernità ma che vede sempre protagonisti alcuni piatti, dolci e cibi in generale che ci arrivano da tradizioni antiche. La frutta secca, in questo senso, occupa un posto d’onore insieme ai dolci nel dopo-cenone della vigilia e in tutti i giorni che seguono sino a Capodanno.

Ma come mai? Da dove viene la tradizione della frutta secca a Natale? è proprio questa la domanda a cui proveremo a rispondere e cercheremo quindi di capire anche come e perché mangiare la frutta secca a Natale, poiché, a quanto pare, anche questa antica tradizione ha a che vedere con i grandi valori nutrizionali della stessa.

Da dove viene la tradizione della frutta secca a Natale

é difficile stabilire con certezza da dove viene la tradizione della frutta secca a Natale. Ci sono almeno 2 teorie al riguardo.

Certo è che da quando, diversi secoli fa, gli Egizi la diffusero tra i paesi del Mediterraneo, la frutta secca ha subito riscosso grande successo. In epoca Romana, ad esempio, la frutta secca veniva mangiata durane la secunda mensa, la parte finale del pasto, insieme ai dolci. All’epoca, inoltre, era usanza cospargere di noci il pavimento di casa del futuro sposo prima di un matrimonio e anche regalare frutta secca il giorno delle nozze.

Col passare dei secoli il consumo di frutta secca ha attecchito in tutta Italia, soprattutto al sud, accompagnando i dolci che si usano consumare dopo il pranzo della domenica e appunto nelle occasioni di festa.

Una teoria rispetto alla tradizione della frutta secca di Natale è proprio che questa venisse regalata a Natale in sostituzione dei dolci, in quanto più economica e facilmente reperibile. Un’altra teoria è che in passato la frutta veniva messa ad essiccare in modo da poterla conservare e consumare nei mesi invernali e che proprio questa usanza ha reso la frutta secca immancabile nel menù natalizio.

come e perché mangiare la frutta secca a Natale

Fatta un po’ di chiarezza sull’origine della tradizione, andiamo ora a vedere come e perché mangiare la frutta secca a Natale.

Perché, sì, la tradizione arriva da molto lontano ma continua ad essere presente oggi nonostante varie pietanze e dessert siano più accessibili e nonostante sia ormai abbastanza diffusa una visione più consapevole dell’alimentazione.

In Campania, ad esempio, è tradizione concludere un lauto pasto con la cosiddetta “seccumma“, cioè un cesto pieno di frutta secca a guscio, che, per la quantità e le modalità in cui viene mangiata, ha preso anche il nome di “spassatiempo” (passatempo), in quanto viene sgranocchiata a lungo, tra una chiacchiera e l’altra.

Inoltre la frutta secca a Natale è presente in molte preparazioni dolciarie, come il torrone, alcune varianti del panettone e tantissimi dolci tipici regionali.

Mangiare frutta secca a Natale, però, può essere anche un modo per mantenere un approccio più salutare alla dieta: oltre alle sue ben note proprietà benefiche, la frutta secca può aiutare a raggiungere il senso di sazietà. In questo senso, mangiare frutta secca (ovviamente in porzioni regolari) può essere un modo per potersi sedere a tavola senza correre il rischio di esagerare con le varie portate.

Inoltre la frutta secca a guscio e la frutta disidratata avanzate dalle feste possono essere usate per preparare un’ottima granola, perfetta per una colazione sana e completa ottima per riprendere un’alimentazione corretta dopo i pasti di Natale che attentano alla nostra linea.

Ad ogni modo noi di Caporaso, affezionati alle tradizioni, abbiamo lanciato le Christmas Box: cesti natalizi in cui troverete tutta la frutta secca, i dolci e le bollicine che occorrono per poter celebrare il Natale con i propri cari o per poter augurare uno splendido Natale a qualcuno.

Le nostre Christmas box le trovi qui.

Iscriviti alla newsletter

Ricevi subito un Coupon sconto del 10%!